Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
+39 389 9296199 +39 389 9296199
Il tuo <strong>giardiniere</strong> di fiducia Il tuo giardiniere di fiducia
+39 389 9296199
Il nutrimento e la cura PER LE TUE PIANTE APPROFONDISCI Fai fiorire IL TUO GIARDINO APPROFONDISCI Il taglio giusto AL MOMENTO GIUSTO APPROFONDISCI Vuoi cambiare volto AL TUO GIARDINO APPROFONDISCI
Richiedi un sopralluogo

Il vischio

Una pianta antica

Il vischio

Il vischio che siamo di solito abituati a scambiarci a fine anno come buon augurio per il nuovo, è il Viscum album della famiglia delle Viscacee.

Il Viscum album è un piccolo arbusto cespuglioso emiparassita (pianta che pur essendo fornita di clorofilla e quindi capace di attività fotosintetica si procura sali minerali e acqua da altre piante verdi comportandosi da parassita parziale o facoltativo), sempreverde, dioico (ovvero che ogni pianta porta unicamente fiori maschili o unicamente femminili) che si sviluppa sulla pianta ospite mediante radici modificate dette austori che servono per captare la linfa grezza nei vasi che si trovano sotto la corteccia della pianta ospite. Il suo portamento è tondeggiante con dimensioni comprese fra i 20 e i 50 cm; ha foglie opposte, coriacee e di forma lanceolato. I fiori sono piccoli di colore bianco – giallastri, unisessuali e si formano in densi fascetti all’ascella delle foglie terminali o rami nel periodo di marzo – aprile. I frutti vengono invece prodotti in autunno dalle piante femminili e sono bacche piccole e rotonde di colore bianco – madreperlaceo, di consistenza gelatinose e appiccicose.

Le piante ospite su cui si può trovare sono: abete bianco, pino silvestre, tigli, pioppi, salici, meli, peri ontani e robinie. Si propaga tramite gli uccelli che si cibano delle piccole bacche che poi espellono i semi sui rami di altre piante.

Oltre che essere simbolo di buon auspicio e portafortuna il vischio è molto utilizzato in erboristeria, medicina o omeopatia come antispasmodico, antiepilettico, antitumorale, ipotensivo e per ridurre il battito cardiaco. Il vischio è anche menzionato e inserito anche nella mitologia e nella storia, gli antichi ritenevano che avesse poteri magici e per esempio i druidi gallici lo usavano come pianta intera nei riti magici o le sue bacche per preparare infusi curativi.