Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
+39 389 9296199 +39 389 9296199
Il tuo <strong>giardiniere</strong> di fiducia Il tuo giardiniere di fiducia
+39 389 9296199
Il nutrimento e la cura PER LE TUE PIANTE APPROFONDISCI Fai fiorire IL TUO GIARDINO APPROFONDISCI Il taglio giusto AL MOMENTO GIUSTO APPROFONDISCI Vuoi cambiare volto AL TUO GIARDINO APPROFONDISCI
Richiedi un sopralluogo

Rose

Un mondo infinito

Rose

Le rose, insuperabili come gruppo di piante per bellezza e profumo, sono i fiori romantici per eccellenza.

Ne esistono circa 150 specie e migliaia di cultivar, adattandosi a moltissime situazioni per giardini diversi. Infatti abbracciano praticamente ogni colore dello spettro cromatico tranne il blu, alcune hanno spine che oltre essere di autoprotezione sono anche ornamentali con grandi sezioni triangolari e di colore rosso in controluce (esempio: Rosa sericea ssp. Omeiensis f. pteracantha).

Non solo la gamma dei colori è molto varia anche la forma dei fiori hanno caratteristiche differenti; possono essere singoli (4-7 petali), semidoppi (8-14 petali), doppi (15-30 petali) o doppissimi (oltre i 30 petali) di tipo piatti, a coppa, appuntiti, a urna, rotondi, a rosetta, a rosetta a quarti e pompon.

 Anche il fogliame contribuisce all’effetto visivo con le sue colorazioni che vanno dal grigio - viola della Rosa glauca a quello azzurro - verde delle Rose Alba. Alcune rose sono molte apprezzate per il loro profumo intenso che può essere dolce, muschiato o speziato.

Nel corso dell’anno le rose hanno una lunga stagione di fioritura, dai boccioli primaverili al loro massimo splendore estivo e grazie alle rose rifiorenti abbiamo bellissime fioriture fino ai primi freddi. Alcune rose hanno particolari frutti detti cinorrodi che le rendono particolari e attraenti anche in autunno per le loro forme e colorazioni.

La maggior parte delle rose provengono dall’emisfero settentrionale e sono molto resistenti, crescono bene in luoghi aperti e soleggiati e in un suolo ricco di humus, umido ma ben drenato. Sono di facile coltivazione, si mettono a dimora solitamente in autunno a ottobre oppure in inverno a gennaio o febbraio prima della stagione vegetativa. Il sesto d’impianto dipende dal tipo di rosa e dal risultato finale che vogliamo. La potatura in generale va effettuata in autunno prima della nascita delle nuove gemme o due o tre settimane prima della ripresa vegetativa lasciando tre o quattro gemme sui rami più deboli o cinque o sei su quelli più robusti.

Le rose si dividono in tre gruppi principali: Rose specie, Rose antiche e Rose moderne.

Le rose specie (dette anche botaniche o selvatiche) e gli ibridi specie mantengono la maggior parte delle caratteristiche delle specie da cui derivano, solitamente producono una sola fioritura e fruttificano in autunno.

Le rose antiche si dividono in diversi gruppi per le loro caratteristiche differenti ma sono principalmente ad arbusto e/o rampicanti e si differenziano per il loro portamento che può essere più o meno eretto, più o meno fitto e le fioriture possono essere a mazzi o singole.

Le rose moderne hanno invece una varietà di gruppi più estesa che va da arbusti che somigliano a quelli delle rose antiche, a cespugli, rose decombenti, rose rampicanti, rose tappezzanti e rose in miniature.

Proprio grazie a questa immensa varietà si possono usare le rose per diversi tipi di impianti nel nostro giardino da un esemplare singolo a più esemplari ad arbusto in una aiuola, a bordure, ad aiuole con altre piante, a tappeti coprenti, in vaso o vasche per terrazzi, per pergolati. Il tipo di composizione nei nostri impianti può poi essere formale come è più comune trovare o anche informale e più naturale.

Ecco qualche immagine di rose dei nostri giardini.