Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
+39 389 9296199 +39 389 9296199
Il tuo <strong>giardiniere</strong> di fiducia Il tuo giardiniere di fiducia
+39 389 9296199
Il nutrimento e la cura PER LE TUE PIANTE APPROFONDISCI Fai fiorire IL TUO GIARDINO APPROFONDISCI Il taglio giusto AL MOMENTO GIUSTO APPROFONDISCI Vuoi cambiare volto AL TUO GIARDINO APPROFONDISCI
Richiedi un sopralluogo

Stella di Natale

Informazioni botaniche e consigli come curarla e coltivarla

Stella di Natale

Informazioni botaniche

Il suo nome botanico è Euphorbia (indica il genere) pulcherrima (indica la specie), fa parte della famiglia delle Euphorbiacee che comprende genere di arbusti, succulente e perenni in natura originarie del Messico.

La stella di natale è un arbusto a portamento eretto molto ramificato che può raggiungere altezza e larghezza di 3-4 metri. Resiste a temperature minime di 5°-7° C ma sono sensibili al gelo e a repentini sbalzi di temperatura, soprattutto quelli verso il basso. Gradisce terreni umidi ma ben drenati e luoghi ben illuminati ma senza luce solare diretta.

Hanno fusti semi legnosi di colore verde brillante, il fogliame è scuro e quelli che consideriamo i grandi petali di fiori singoli della Poinsettia sono in realtà brattee, ovvero foglie trasformate; le vere infiorescenze sono piccoli fiori bianco-verdastri o giallo all’apice della pianta circondati dalle brattee.

stella di nataleIl loro colore tipico è quello rosso acceso, ma nel corso degli anni il successo della coltivazione di questa pianta ha portato a varie ibridazioni dando origine a varietà che presentano colorazioni e forma delle brattee differenti come il bianco, giallo, rosa, striate, doppie, arricciate e arrotolate.

Come coltivare e mantenere la Stella di Natale

Siamo abituati che dopo il periodo delle festività natalizie vediamo deperire o addirittura morire le nostre Stelle di Natale e quindi le buttiamo e aspettiamo l’anno successivo per comprarne di nuove. Ma la Stella di Natale può benissimo resistere, rifiorire e quindi mantenere la sua bellezza per più anni con alcune accortezze.

Nel periodo invernale, come già detto in precedenza, la Stella di Natale gradisce temperature anche fino ai 5° C quindi va tenuta in una stanza non eccessivamente riscaldata e necessariamente lontana da fonti di calore diretto come termosifoni, stufe, caminetti e altro. Allo stesso tempo evitiamo sbalzi termici verso il basso che male sopporta, quindi non mettiamo la Stella di Natale in vicinanza di porte e finestre che si aprono spesso evitando così correnti fredde. La stanza deve essere ben illuminata ma la Stella di Natale non deve ricevere luce solare diretta. Va annaffiata quando il terreno è ben asciutto assicurandoci che non ci siano ristagni idrici, anche per evitare malattie fungine, quindi indicativamente una volta a settimana.

Quando inizia a perdere le brattee (le foglie colorate) non lasciamola morire ma continuiamo ad annaffiarla regolarmente per fargli continuare il suo ciclo naturale e una volta cadute o recise tutte le brattee appassite si possono recidere gli steli fino a 10 cm dalla base. Questa operazione farà fuoriuscire del lattice dalla Stella di Natale, è una sua caratteristica, e si può trattare con della cenere di legna o con acqua calda sulla ferita.

Nel periodo di maggio la Stella di Natale rincomincia la fase vegetativa e quindi a crescere. Da maggio a settembre quindi va concimata ogni due settimane usando del fertilizzante liquido mescolato all'acqua d’irrigazione con un titolo elevato di potassio e fosforo.

Nel periodo estivo la Stella di Natale può stare sul terrazzo o comunque all’esterno in luogo semi ombreggiato e va annaffiata sempre quando il terreno è asciutto senza formare ristagni idrici ma anche facendo attenzione a non farla restare troppo tempo in condizione di siccità. (a luglio e agosto può essere necessario irrigarla ogni giorno).

In autunno sposteremo la Stella di Natale in casa prestando attenzione alle sue esigenze di luce e temperatura. Essendo una pianta fotoperiodica fiorisce solo quando le giornate sono molto brevi; a tale scopo, è necessario fare in modo che la pianta riceva più di 12 ore di buio ogni giorno, considerando anche la luce artificiale. Per questo motivo, è necessario coprire le piante in casa, con della carta scura, dalle 16 fino alle 8 del giorno dopo (più o meno).

In genere è sufficiente effettuare tale operazione per circa una settimana per favorire lo sviluppo dei fiori; a questo punto, sospendiamo le concimazioni e lasciamo la pianta senza copertura. Godiamoci a questo punto le grandi infiorescenze.

La Stella di Natale si può propagare per talee semi – legnose o anche legnose anche da rami ben sviluppati, quando in primavera recidiamo i rami possiamo utilizzarli per ottenere nuove piantine.